Giovane Lussuria

Pubblicato in data 10.15.2014

Fu una tarda notte di sabato quando incontrai per la prima volta questa bellissima giovane creatura. Mi ero da poco trasferita in un nuovo complesso di appartamenti, dove mi stavo ancora adattando, e le circostanze consistevano in maggior parte di persone ansiane e coppie sposate con bambini. Fu senza dubbio un grosso cambiamento da dove abitavo prima, pieno di feste notturne e dove sconosciuti si impegnavano in atti illeciti in corridoi scuri. Sarebbe sicuramente l'unica cosa che mi mancava, dato che mi ero abbastanza abituata a questo stile di vita alternativo. Mi piacevano le baldorie e i peccati che prendevano luogo, ed ero sempre vogliosa e capace di trovare un volenteroso compagno giocoso. Preferivo quelli giovani; fieri della loro tendenza sessuale, armati di fisici scolpiti sportivi. La loro superbia della giovinezza era una cosa cosi eccitante per me, mentre ascoltavo labbra piene di storie che sussurravano indulgenze...la bellissima donna con cui sono stati....le memorie ubriache di sesso con sconosciuti incontrati nei bar...e la "conoscenza" di come far veramente gridare una donna di desiderio. Ma la parte che apprezzavo di più era quella dove gli distruggevo tra le lenzuola del mio letto, lasciandogli con una cicatrice permanente nelle loro menti impressionabili.

Appena l'ho visto, sapevo che sarebbe stato il prossimo. Aveva una ventina di anni, capelli scuri, occhi scuri, e caratteristiche visive impressionanti. Vestito in nero, come se fosse appena tornato da una di quelle discoteche di classe in città. Appena si girò e lanciò un leggero sorriso nella mia direzione si capiva che sapeva quanto fosse attraente. Ecco un ragazzo giovane che probabilmente è stato con centinaia di ragazze, ogni una supplicando per il suo affetto, e sparlando su quanto fossero state fortunate ad andarci a letto. Un'aria di sensualità lo circondava mentre l'osservavo girare la chiave ed entrare nel suo appartamento con la mia mente che andava a cento miglia all'ora.

Dopo quella volta ci incontrammo occasionalmente nel corridoio, scambiando qualche chiacchiera, imparando pian piano a conoscerci. Non era una sorpresa che avesse una personalità che uguagliava la sua bellezza; una certa arroganza, battute su le quali non sapevo se ridere o offendermi. Un vero pezzo di merda, ma non riuscivo a distogliere lo sguardo da lui. Un miscuglio intossicante di intelligenza e passione completavano questa persona, intrigandomi e facendomi capir perché molte donne erano come mastice tra le sue mani. Era davvero un bastardo. Il tipo di ragazzo che ogni donna vorrebbe evitare perché orgoglioso e altezzoso, ma in fondo, implorandolo di usarle solamente per il suo piacere.

Lo indulgevo a flirtare facendogli capire che non avevo nessuna intenzione di essere la brava ragazza, o che l'avrei lasciato passare attraverso le mie dita, avesse il coraggio di provare a giocare con me. Il suo bel corpo giovane tra le lenzuola del letto mentre la mia lingua divorava il suo cazzo e segni di graffi riempivano la sua pelle. sicuramente un bel gioco. Un gioco che conoscevo bene... scopare questi bei ragazzi giovani che volevano provare qualcosa. Non passò molto che tutto il parlare divenne realtà, e mi trovai davanti alla sua porta d'ingresso. Mi invitò dentro, mi versò un paio di drink, e provò a fare conversazione. Ma sapevamo entrambi il vero motivo perché ero li quella notte...

Presi le sue mani, tirandolo verso di me e baciandolo. Non persi tempo sbottonandogli la camicia, uno ad uno. La mia lingua muovendosi ancora furiosamente nella sua bocca, mi allungai per aprire la cerniere dei suoi pantaloni. Il suo cazzo spuntò fuori dai suoi jeans, e immediatamente mi inginocchiai vogliosa di averlo nella mia bocca. Non vedevo l'ora di assaggiarglielo, la mia lingua che dolcemente scivolava sopra la sua punta, assaggiando quelle prime dolci gocce di sperma precoce. Appoggiò la testa all'indietro mentre prendevo sempre più cazzo tra le mie labbra. Cercando il muro per fare da supporto, accelerò le sue spinte con urgenza fino a soffocarmi. Mentre si aggrappava con fermezza ai miei capelli, gli inzuppai le palle con la mia saliva. Mi spostai indietro cosi potevo leccarle e succhiarle meglio per poi passare la mia lingua per tutta la lunghezza del suo cazzo. Quando intuì che stava per esplodere, bagnai le mie dita con la lingua e li feci scivolare profondamente nel suo culo. E mise un gemito mentre prendevo il suo cazzo di nuovo in bocca permettendogli di premere con forza contro di me. Con il mio dito tra le sue chiappe e il suo cazzo che mi sbatteva giù in gola, tutto quello che potevo pensare era a quanto fosse bello e a quanto avevo bisogno di averlo dentro di me.

Mi allontanai lentamente da lui e gli chiesi se era pronto per una bella scopata. Non perse tempo a rispondermi, mentre mi tolse la maglietta e reggiseno avvolgendo le mani attorno alle mie tette, stringendole fortemente. La sua lingua percorse a cerchi giù per il mio petto, mentre una mano mi sbottonava i pantaloni. Con un'azione veloce tutti i nostri vestiti erano per terra e mi stava spingendo verso il letto. La sua aggressività mi eccitava, e potevo sentire il calore del suo corpo mentre le sue mani si aggrappavano alle mie spalle. In piedi i nostri sguardi si agganciarono, i suoi denti affondarono nel mio collo e lasciò che le sue dita cercassero il mio clitoride. Stritolandolo facendolo gonfiare; fece scivolare due dita dentro alla mia figa già bagnata. Mi masturbò con le dita fino a farmi tremare le gambe mentre lo supplicavo di smettere. Dopo quello che sembrò essere ore di tortura piacevole finalmente mi accontentò...

Mi mise a pecora, e si preparò ad entrarmi dentro, massaggiandosi il cazzo su e giù sopra la mia figa bagnata sgocciolante. Gridai ogni volta, mentre il suo cazzo mi stuzzicava senza pietà, facendo scivolare solo la punta dentro il mio buco sofferente. Dunque, senza avvertimento fece scivolare tutti i 20 cm di cazzo dentro di me. Mi sporsi in avanti ma mi presi dai capelli e mi tirò indietro, spingendo questa volta più forte. Continuò a scoparmi, più fortemente e più velocemente fino a che facevo fatica a respirare. Gemevo per le sue spinte aggressive, ordinandolo di farmi venire. Proprio quando pensavo non ce la facessi più lo tirò fuori dalla mia figa e lo fece scivolare dritto dentro al mio culo. Spinsi all'indietro e poi in avanti contro di lui, mentre le sue spalle schiaffeggiavano furiosamente contro le chiappe. Mi allungai per massaggiare il mio clitoride sofferente e tutto ad un tratto sentì il pizzico delle impronta di mani sulla pelle nuda.

Stava davvero accadendo? Questo giovane ragazzo se ne stava veramente approfittando di me come avevo fatto io con tutti gli altri? Facendo un gioco di sesso torrido e di dolore, le carte erano state girate, mentre mi scopava senza pietà. E lo adoravo. Continuava a schiaffeggiarmi il culo mentre sentivo le gocce di sudore sulla mia schiena, e il suo cazzo che mi spalancava il retro. Un paio di altri colpi profondi e il suo cazzo cominciava a palpitare e rilasciare un carico di sperma bollente. Collassai sul letto cavalcando le ultime onde del più intenso orgasmo mai avuto. Sentì il suo respiro profondo sulla mia pelle mentre lentamente tirava fuori il suo pene dal mio culo lasciando il dolce fluido appiccicoso sgocciolare tra le mie cosce.

Inchinandosi sopra di me fece scorrere la sua lingua sulla mia carne tremolante mentre massaggiava il suo cazzo ormai flacido tra le sue mani. Riuscivo appena muovermi, il mio corpo distrutto e formicolante da testa a piedi. Mi alzai in piedi mentre si allontanò da dietro di me e fece in tempo a catturare uno sguardo diabolico sulla sua faccia. Mi prese dai polsi con forza bloccandogli dietro la mia schiena chiedendomi se era questo quello stavo aspettando.... se mi aveva scopato per bene nelle memorie sessuali passionali e senza senso. In effetti, lo aveva fatto, pensai, mentre barcollai giù dal letto raccogliendo i miei vestiti. Dandogli un ultimo bacio, mi vesti di fretta e camminai verso la porta...........

Thank you!
100%
15 Mi piace
2,880 Viste

Si prega di selezionare il motivo collegamento cattiva e premere [ Rapporto]

Vi piace questo questa storia di sesso? Non dimenticate di pubblicare il vostro commento! È molto interessante, cosa ne pensate.

Racconti correlate

Un corso di lavoro bollente
Pubblicato in data 10.15.2014

Io e mio marito avevamo un'attività. Abbiamo assunto e siamo diventati amici con un ragazzo adolescente per aiutarci. era un buon amico e veniva sempre a trovarci dopo il lavoro. Era rimasto nostro amico per 1 anno e mezzo. Una notte ci ha portato ...

Sesso per la prima volta
Pubblicato in data 10.15.2014

L'ho finalmente convinto a venire da me per un weekend, mentre sua moglie era fuori città. C'è sempre stato una sorta di tensione sessuale fra di noi, tuttavia, le regole dell'azienda non permettevano qualsiasi tipo di relazione interna. Spesso s...

Giovane Lussuria
Pubblicato in data 10.15.2014

Fu una tarda notte di sabato quando incontrai per la prima volta questa bellissima giovane creatura. Mi ero da poco trasferita in un nuovo complesso di appartamenti, dove mi stavo ancora adattando, e le circostanze consistevano in maggior parte di...